L’umanizzazione è la “capacità di rendere i luoghi di cura e le pratiche medico-assistenziali aperti, sicuri e senza dolore, conciliando politiche di accoglienza, informazione e comfort con percorsi assistenziali il più possibile condivisi e partecipati con il cittadino“, e rappresenta un importante indicatore per misurare lo stato di salute del Sistema Sanitario.

La Regione Molise con la Direzione Generale per la Salute e l’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari regionali – AGENAS, in collaborazione con Cittadinanzattiva Molise, hanno promosso il Progetto di ricerca ‘La Valutazione Partecipata del grado di umanizzazione delle strutture di ricovero’, oggi arrivato alla fase conclusiva.

Complessivamente, in Italia hanno partecipato al Progetto oltre 800 professionisti e operatori sanitari, più di 700 cittadini appartenenti a circa 300 associazioni di tutela e volontariato. Sono stati i protagonisti della valutazione che ha coinvolto 417 strutture di ricovero (Ospedali a gestione diretta, Aziende Ospedaliere, Aziende Ospedaliere Universitarie – Policlinici, IRCCS e Case di cura private accreditate).

Il modello di valutazione è basato sulla rilevazione da parte dell’équipe locale – gruppo di lavoro costituito da professionisti della struttura di ricovero e cittadini – di 144 item, contenuti in un apposito strumento di rilevazione omogeneo e condiviso a livello nazionale (checklist), costruito ad hoc grazie alla collaborazione dei referenti di tutte le Regioni /PA, dei professionisti sanitari e dei referenti civici nazionali e locali.

Obiettivi

  • valutare il grado di umanizzazione delle strutture di ricovero per acuti;
  • mettere a regime uno specifico flusso informativo dedicato al tema dell’umanizzazione che possa, attraverso una rilevazione triennale, assicurare la disponibilità di informazioni per supportare le azioni delle Regioni P/A, del Ministero della Salute e delle Organizzazioni dei cittadini;
  • attivare una rete nazionale e regionale per la rilevazione periodica del grado di umanizzazione delle strutture di ricovero per acuti;
  • definire LLGG per la diffusione dei risultati della valutazione, condivise con Regioni/PA, Professionisti e Cittadini.

Output del progetto

  • Rilevazione del grado di umanizzazione delle strutture di ricovero per acuti su territorio nazionale;
  • Costituzione di una rete nazionale e regionale per la rilevazione periodica del grado di umanizzazione delle strutture di ricovero per acuti;
  • LLGG per la diffusione pubblica dei risultati della valutazione, condivise con Regioni /PA, Professionisti e Cittadini.

La valutazione partecipata, Progetto durato 3 anni, ha coinvolto tutti i Presidi Ospedalieri regionali tra cui 3 Presidi ASReM:

  • P.O. ‘Cardarelli’ di Campobasso;
  • P.O. ‘Veneziale’ di Isernia
  • P.O. ‘San Timoteo’ di Termoli
  • I.R.C.C.S Neuromed
  • Fondazione di Ricerca e Cura ‘Giovanni Paolo II’
  • Casa di Cura ‘Villa Maria’
  • Casa di Cura ‘Villa Esther’
  • ‘GEA Medica’

Inoltre, hanno svolto parte attiva le Associazioni di volontariato ARVAS, AVO, AVIS, Armida Barrelli, Giovanna Iris e Cittadinanzattiva.

Nello specifico sono state costituite equipes miste composte da operatori sanitari e cittadini volontari che hanno misurato “sul campo” il grado di umanizzazione attraverso strumenti validati da AGENAS.

I risultati conclusivi sono stati poi presentati in un workshop divulgativo organizzato da Cittadinanzattiva, con il patrocinio della Regione Molise e di AGENAS, il 20 dicembre 2018 a Campobasso.

Un momento di confronto sul tema dell’assistenza ospedaliera regionale e del rapporto tra Ospedale e paziente, a cui hanno partecipato, tra gli altri, il Direttore generale ASReM Gennaro Sosto, l’esperta AGENAS Sara Carzaniga, Tonino Aceti Coordinatore nazionale del Tribunale per i Diritti del Malato, i rappresentanti di tutte le Strutture regionali e delle Associazioni di volontariato.

Scarica i risultati e la sintesi del Progetto

 

Vai al sito Agenas dedicato al Progetto.

Vai al comunicato del Presidente della Regione Molise.

Le foto della giornata