Ragione sociale:

AVIS (Associazione Volontari Italiani Sangue) Sezione Comunale di Campobasso “Nicola Scarano”

 

Riferimenti:

 

Logo:

 

 

Mission dell’Associazione:

AVIS Comunale Campobasso “Nicola Scarano” è un’associazione senza scopo di lucro, che persegue un fine di interesse pubblico: garantire la disponibilità di sangue e dei suoi emocomponenti a tutti i pazienti che ne abbiano necessità, attraverso la promozione del dono, la chiamata dei donatori e anche la raccolta diretta di sangue, d’intesa con le strutture ospedaliere pubbliche.
Fonda la sua attività sui principi della democrazia, della libera partecipazione sociale e sul volontariato, quale elemento centrale e insostituibile di solidarietà umana. Vi aderiscono tutti coloro che hanno intenzione di donare volontariamente, anonimamente, periodicamente e gratuitamente il proprio sangue, ma anche chi, non potendo compiere questo gesto,desideri collaborare gratuitamente a tutte le attività di promozione e organizzazione.

 

Principali attività realizzate insieme ad ASReM: 

  • Servizio civile in partenariato dal 2008 nel settore della promozione e della raccolta del sangue, prodotto indispensabile alla vita a beneficio di tutti i cittadini.
  • Convegni sulla donazione di sangue con la partecipazione di illustri relatori provenienti anche da fuori Regione.
  • Servizio “Taxi del sangue” in occasione delle abbondanti nevicate che non consentivano ai donatori di raggiungere il C.T del P.O Cardarelli.

 

Ulteriori attività:

  • La nostra struttura è impegnata sin dal 2009 in attività di protezione civile sia a livello Nazionale facendo parte della consulta nazionale delle Associazioni di Volontariato presso il DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE NAZIONALE, e oltre ad essere iscritta nel Registro Regionale di Protezione civile ha partecipato attivamente dal terremoto del 2009 in Abruzzo a tutte le emergenze di carattere sia Nazionale che Regionale, ha inoltre provveduto in occasioni delle abbondanti nevicate verificatasi nella nostra Regione al trasporto dei dializzati non autosufficienti e automuniti domiciliati principalmente nelle contrade e nei paesi limitrofi.