ASReM è articolata in 3 Distretti Socio-Sanitari.

Questi rappresentano l’articolazione territoriale in cui si realizza l’integrazione delle attività sanitarie e sociali ed il coordinamento tra l’ospedale e il territorio.

I Distretti esercitano la funzione di tutela della salute dei cittadini,  attraverso l’accesso ottimale alle prestazioni, attraverso l’appropriatezza della risposta nell’offerta di servizi, con un focus sempre concentrato sulla qualità dei percorsi assistenziali.

Ad ognuno dei 3 Distretti (Campobasso, Isernia e Termoli) competono l’analisi del bisogno di salute e la promozione di corretti stili di vita della popolazione, l’erogazione delle prestazioni di diagnosi e cura, ed il soddisfacimento di tutti gli adempimenti burocratici ed amministrativi legati alla erogazione dei servizi sanitari territoriali.

Il nuovo modello distrettuale aziendale è strutturato sul modello della presa in carico, che prevede un rapporto continuo tra Medici di Medicina Generale, Pediatri di Libera Scelta e Specialisti Ambulatoriali che presidiano sia la funzione di accoglienza e prima valutazione (PUA) sia la valutazione funzionale Multidimensionale e la definizione di Progetti Assistenziali Individuali.

I Distretti Sanitari individuati sul territorio molisano sono:

 

 

Cosa fa il Distretto?

  • assicura l’assistenza sanitaria di base, compresa la continuità assistenziale;
  • coordina i medici di medicina generale ed i pediatri di libera scelta con le strutture operative a gestione diretta, con i servizi specialistici ambulatoriali e le strutture ospedaliere ed extraospedaliere accreditate;
  • fa da raccordo tra i servizi del territorio ed i servizi ospedalieri;
  • si occupa dei programmi vaccinali sulla base della programmazione del Dipartimento Unico di Prevenzione;
  • eroga le prestazioni sanitarie a rilevanza sociale, le attività socio-assistenziali in stretto contatto coi Piani di Zona degli ambiti sociali;
  • attività finalizzate alla promozione alla salute;
  • si occupa di assistenza primaria specialistica (che comprende la Specialistica Ambulatoriale, la Specialistica in Accreditamento esterno in regime ambulatoriale e residenziale, l’assistenza integrativa, l’assistenza riabilitativa, l’assistenza protesica);
  • attività di medicina dello sport;
  • attività o i servizi consultori per la tutela della salute dell’infanzia, della donna e della famiglia, nonché l’attività ed i servizi di salute mentale nell’età evolutiva;
  • attività o i servizi rivolti a disabili e anziani;
  • attività o i servizi di assistenza domiciliare integrata;
  • attività o i servizi per le patologie da HIV e per patologie in fase terminale;
  • attività medico legale;
  • attività di sanità penitenziaria (distretti di Campobasso, Isernia, Termoli);
  • attività, integrata con il Dipartimento Unico di Prevenzione, di sorveglianza sindromica ed assistenza sanitaria agli stranieri migranti (STP-ENI) (distretti di Campobasso, Isernia, Termoli);
  • attività di assistenza penitenziaria;
  • è il fulcro dell’integrazione socio-sanitaria.

Le azioni attraverso le quali si articola la committenza distrettuale sono:

  • valutare e definire in modo partecipato il bisogno di salute della popolazione;
  • definire le priorità nel rispetto degli obiettivi, dei compiti e delle risorse assegnate all’Azienda;
  • elaborare il Programma delle Attività Territoriali;
  • promuovere la multidisciplinarietà tra i ruoli professionali e le strutture di produzione;
  • valutare l’appropriatezza dei servizi offerti;
  • monitorare, controllare e verificare i risultati di ciascun erogatore ed il rispetto degli obiettivi assegnati con particolare riguardo alle diverse dimensioni dell’appropriatezza;
  • erogare prestazioni e servizi sanitari inerenti l’assistenza primaria, l’assistenza per le tossicodipendenze e l’assistenza socio-sanitaria;
  • concorrere alla realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi sanitari e sociali attraverso la forte integrazione tra soggetti pubblici e privati e tra servizi sociali e sanitari, in grado di affrontare i bisogni complessi che richiedono unitarietà di intervento, progetti personalizzati, continuità assistenziale, valutazione multi professionale del bisogno, condivisione degli obiettivi, progettazione integrata delle risposte, valutazione partecipata degli esiti.

 

All’interno di ogni Distretto, è allocata la Porta Unica di Accesso, cioè il punto di primo accesso per i Servizi che rappresenta l’interfaccia diretta di ASReM con il cittadino-utente.

 

 

Attraverso la PUA, ASReM garantisce:

  • l’accoglienza e l’informazione all’utenza;
  • la valutazione di primo livello;
  • lo smistamento dell’utenza ai servizi sanitari o sociali;
  • l’attivazione della valutazione multidimensionale finalizzata ad una presa in carico integrata;
  • la attivazione di tutte le risposte necessarie a soddisfare la richiesta ed il bisogno del cittadino.

Il Distretto è integrato, inoltre, con Dipartimento di Prevenzione e con il Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze.